“Sta indagando la polizia”. Anna Tatangelo, brutto momento per il papà: costretto a denunciare

Una notizia destabilizzante e che ha fatto passare alla famiglia Tatangelo ore di sconvolgimenti. Durante la notte, sembrerebbe infatti che il furgoncino con cui il padre di Anna Tatangelo lavora ogni giorno, sia stato rubato. La notizia ha sconvolto il signor Dante, il genitore della cantante, che a quel mezzo è sempre stato legatissimo.

Come si può leggere su Fanpage, l’accaduto avrebbe avuto queste linee di sviluppo: dei ladri, dopo aver forzato l’entrata del negozio dell’uomo, si sarebbero appropriati del camioncino approfittando delle ore notturne, per poi abbandonarlo in zona Romana selva, a pochissima distanza dall’azienda di Dante Tatangelo. E proprio lì è stato trovato questa mattina dalla polizia che si era già messa in movimento per indagare.

anna tatangelo furto famiglia


Anna Tatangelo, brutto momento per la sua famiglia

Ma perché questo furgoncino è così importante per il padre di Anna Tatangelo? Beh, perché si tratta del mezzo che permette al padre di Anna Tatangelo di vendere ogni giorno il suo storico prodotto nella cittadina di Sora, in provincia di Frosinone. L’alimento di cui stiamo parlando sono delle squisite ciambelle, cucinate con prodotti di ottima qualità.

L’azienda che questa notte si è tentato di derubare è un’azienda molto antica, già conosciuta e rinomata negli anni in cui la cantante muoveva i suoi primi passi sul palco dell’Ariston. Un luogo fondamentale per la storia della famiglia Tatangelo, dato che vede il susseguirsi delle generazioni. Infatti, anche il figlio del signor Dante (nonché fratello di Anna) lavora nella preziosa ciambelleria. Il suo nome è Maurizio, e anche lui sicuramente attende che si faccia luce sullo spiacevole accaduto.

“Perché è tornata con lui”. Anna Tatangelo, scoperto il gossip che cambia le cose

“Mi ha rubato tutti i soldi”. Rita Dalla Chiesa denuncia l’assurdo inganno: “Ha fatto così”

Ambra Angiolini, l’incendio improvviso: fiamme alte, danni e rabbia. “Non so come sia successo”